Nuova Editrice Magenta, di Poiesis s.r.l. - P.I.: 01974960120 - via Brunico 50 (sede legale), 21100 Varese (VA)
ris.min.1024x768

La NEM raccoglie, nel nome e negli intenti editoriali, l’eredità della gloriosa casa editrice varesina Editrice Magenta, creata e animata da Bruno Conti fra gli anni cinquanta e settanta.
L’Editrice Magenta s’impose in quegli anni all’attenzione della cultura italiana per una serie di pubblicazioni d’alto livello, fra cui spiccano le antologie poetiche Linea Lombarda e Quarta generazione.
Con Linea Lombarda: 6 poeti, curata da Luciano Anceschi (Sereni, Erba, Risi, Modesti, Orelli, Rebora) e pubblicata nel 1952, e con la fortunata Quarta generazione, curata da Piero Chiara e Luciano Erba nel 1954, l’Editrice Magenta aggiunge due volumi divenuti presto pietre miliari nel percorso della poesia italiana del Novecento ed entra a pieno titolo nel panorama letterario nazionale.
L’attività di Conti, coadiuvato e sostenuto dall’Anceschi, cattedratico di Estetica all’Università di Bologna, prosegue con fervore per alcuni anni con edizioni di autori quali Edoardo Sanguineti, Giuseppe Guglielmi, Alfredo Giuliani, Renzo Modesti, Giuliano Gramigna e traduzioni da lingue estere e saggi critici filosofici e letterari.
E non è da dimenticare l’importante strumento critico costituito dalla rivista trimestrale di cultura Nuova presenza, diretta da Franco Floreanini e Giuliano Gramigna tra gli anni Sessanta e Settanta, che faceva capo alla Magenta (Magenta era in realtà la cartolibreria situata nell’omonima via che il Conti gestiva con la sorella).
L’attività dell’Editrice Magenta va poi lentamente arrestandosi per fermarsi definitivamente con la morte dei suoi due principali animatori: Bruno Conti e Luciano Anceschi, scomparsi all’inzio degli anni novanta.

I testi della Vecchia Editrice Magenta sono ancora disponibili per i collezionisti rivolgendosi direttamente alla Casa Editrice.